Auto sotto al sole: dopo quanto tempo diventa pericolosa?

Auto sotto al sole: dopo quanto tempo diventa pericolosa?

soleautobambino.600

 

Per un bimbo di due anni? Basta solo un’ora in un’automobile lasciata sotto al sole per rischiare un colpo di calore mortale. Due ore se invece il veicolo viene lasciato all’ombra. Sono i risultati di una ricerca appena pubblicata sulla rivista Temperature. Il suggerimento è sempre lo stesso: mai lasciare un bimbo in auto, anche se per brevi periodi di tempo. 

Basta solo un’ora a rendere pericolosa un’automobile parcheggiata sotto al sole con dentro un bimbo di due anni.

Un nuovo studio appena pubblicato sul giornale Temperature ha voluto indagare quanto tempo ci mette a surriscaldarsi un’automobile sotto al sole o all’ombra d’estate. I ricercatori hanno poi indagato su come queste differenze potessero influire sulla temperatura corporea di un ipotetico bimbo di due anni lasciato in automobile. 

Uno studio che serve per sensibilizzare l’opinione pubblica e che ricorda i pericoli dei colpi di calore nei bambini.

 

Un bimbo non si lascia MAI da solo in auto, neppure per brevi periodi di tempo.

Bimbi lasciati in auto: i dati nel mondo
Negli ultimi 18 anni, negli Usa sono morti tra i 30 e i 60 bambini, perché lasciati in auto, da soli, in un veicolo parcheggiato.
Lo scorso anno le vittime sono state 42.
Spesso i bambini sono semplicemente dimenticati in auto (54% delle morti) o sono lasciati in auto da soli a giocare (28% dei casi). Il 17% dei casi è intenzionale.
Le morti in seguito a un colpo di calore in auto sono aumentate inoltre da quando ci sono gli airbag installati nel sedile del passeggero, costringendo a mettere dietro il seggiolino.
Un problema di portata mondiale: tra il 2006 e il 2015 sono stati riportati 21 casi in Brasile, ci sono state sette morti in Francia e in Belgio tra il 2007 e il 2009 e altri casi in Olanda, Islanda, Ungheria e Israele [Child Safety Europe. Children in hot cars: hyperthermia. Birmingham, UK; 2014].
Come anche in Italia con Giorgia, lasciata in auto lo scorso venerdìTra il 1° maggio 2011 e il 31 agosto 2012 nel nostro paese i casi di bimbi lasciati in auto stati 16 (con due morti).

“Il nostro studio non solo quantifica le differenze di temperatura all’interno di diversi veicoli parcheggiati al sole o all’ombra, ma dimostra come anche parcheggiare un’auto all’ombra possa essere letale per un bambino” spiega Nancy Selover, climatologa dello stato dell’Arizona, Usa, e co-autrice dello studio.

Per fare questa ricerca gli studiosi hanno selezionato sei veicoli: due identiche berline di color argento, due city car argento e due minivan argento.

I ricercatori hanno poi spostato le automobili dal sole all’ombra in diversi periodi del giorno, sfruttando tre calde giornate estive con temperature oltre i 35°C. Hanno poi misurato la temperatura interna e delle superfici dell’auto. L’esperimento è stato condotto a Tempe, in Arizona.

 

“Un tipo di test che vuole riproporre quanto può per esempio capitare durante delle compere” spiega Selover. “Volevamo sapere la temperatura interna dei veicoli dopo un’ora, un lasso di tempo verosimile per chi fa la spesa. Sapevo che la temperata sarebbe stata alta, ma a colpirmi di più sono state le temperature delle varie superfici”.

Infografica che mostra la temperatura di un veicolo lasciato all’ombra o al sole per un’ora | VANOS, MIDDEL, POLETTI, SELOVER, TEMPERATURE, 2018

La temperatura all’interno di veicoli lasciati al sole o all’ombra

Ecco che cosa è emerso:

 

  • nei veicoli parcheggiati al soledurante la simulazione di shopping, la temperatura media dell’abitacolo dopo un’ora ha colpito i 46°C. Il cruscotto ha raggiunto i 69°C, il volante 53°C e i sedili 51°C.
  • nei veicoli parcheggiati all’ombra, la temperatura dopo un’ora era di circa 30°C. Cruscotto 48°C, il volante 42°C e i sedili 41°C.

 

E che cosa cambia quando cambia l’auto? Le city car si riscaldano più velocemente rispetto alle berline e ai minivan.

 

E se dentro ci fosse un bambino?

“Tutti abbiamo provato a tornare nelle nostre auto durante una giornata calda e non riuscire neppure a toccare il volante” spiega Selover. “Ma immaginate che cosa potrebbe accadere se dentro a quell’automobile ci fosse un bambino legato al seggiolino. Una persona dentro a un’auto calda poi, emette umidità nell’aria. E quando c’è più umidità, è più difficile raffreddarsi, perché il sudore non evapora così velocemente”.

 

Quando potrebbe sopraggiungere un colpo di calore mortale? Dipende da tanti aspetti: dall’età di una persona, dal peso, da condizioni preesistenti, ma anche da altri fattori, come i vestiti.

Non è possibile predire esattamente quando un bimbo possa accusare un colpo di calore, può però capitare quando la temperatura del corpo del bambino supera i 40°C per lunghi periodi.

In questo caso i ricercatori hanno usato come modello un ipotetico bimbo di due anni. E hanno constatato che nelle condizioni dello studio il bambino avrebbe raggiunto quella temperatura dopo un’ora, se lasciato in un’auto al sole, e in due ore, se messa all’ombra.