Bambini: 10 attività per esplorare le emozioni

Bambini: 10 attività per esplorare le emozioni

emozioni11.630x420

Spesso i bambini vengono travolti da forti sentimenti a cui non sanno dare un nome né una spiegazione. Per questo è tanto importante abituare i piccoli a riconoscere le emozioni. Un bambino che riesce a verbalizzare quello che prova, troverà più facilmente aiuto, e, a sua volta, sarà più empatico con gli altri. Ecco 10 attività gioco scovate su Pinterest per esplorare il mondo delle emozioni.

 

1-Come ti senti oggi? 
Spesso i bambini si sentono sopraffatti da sentimenti che non riescono a individuare, ecco perché è importante aiutarli a identificare e ad esprimere quello che sentono. Costruite dei bastoncini con delle faccine che rappresentano diverse emozioni (potete realizzarle in pannolenci o su semplici cartoncini). Poi in forma cantata chiedete al piccolo: “come ti senti oggi?”. Lui dovrà rispondere intonando: “oggi mi sento…” e alzare il bastoncino che corrisponde alla sua emozione: felice, triste, arrabbiato. Si può anche giocare in gruppo: mettete i bambini in cerchio e a turno ciascuno canterà l’emozione delLa faccia delle emozioni 


2-Costruite una faccia delle emozioni: da un cartoncino ricavate un grosso cerchio per il viso e delle forme più piccole per bocca, naso, occhi, sopracciglia (vedi foto). Poi puntatele con dei ferma campioni all’interno del cerchio. Fate vedere al bambino come gli elementi della faccia si modificano a seconda delle emozioni: felice, triste, arrabbiato, sorpreso… In questo modo il piccolo imparerà a nominare e a riconoscere le diverse emozioni suo bastoncino

3-Ovetti delle emozioni 
Procuratevi degli ovetti di plastica come quelli che hanno dentro la sorpresa. Poi con un pennarello indelebile disegnate le diverse espressioni. Nella parte superiore fate gli occhi e in quella inferiore la bocca. I bambini piccoli potranno inscenare con queste faccine dei giochi di ruolo, utili per esplorare il mondo delle emozioni. I più grandicelli potranno divertirsi ad aprire gli ovetti e a scambiare i pezzi, creando altre emozioni a cui dovranno dare un nome.|

4-Palline antistress 
Prendete quattro palloncini, riempiteli, usando un’imbuto, con del riso. Quando sono pieni chiudeteli e con un pennarello disegnate le emozioni: felice, arrabbiato, sorpreso e triste. I bambini si divertiranno a giocare con le emozioni, inoltre manipolare i palloncini è un efficace anti stress.|

5-Il libretto con le facce 
Fotografate vostro figlio mentre è felice, triste, arrabbiato, stanco, sorpreso, deluso, impaurito… Stampate le foto e incollatele su dei cartoncini colorati. Poi forateli e fateci passare degli anelli: avrete dei veri e propri libretti. I piccoli si divertiranno a sfogliarli, vedere le proprie faccine e imitare le smorfie.

6-Maschere delle emozioni 
Prendete dei piatti di carta bianchi e disegnateci sopra le varie emozioni. Poi incollateli a dei bastoncini. Potete giocare con i bambini a indossare le “maschere” delle emozioni e riconoscerle assieme. Per i più grandicelli potete fare solo la bocca: loro dovranno completare l’emozione con lo sguardo.

7-Pupazzi delle emozioni 
Prendete dei rotoli di cartone, tagliateli in modo da avere altezze diverse. Poi ritagliate un cerchio. Su un foglio a parte disegnate varie espressioni per ogni rotolo. Infine inserite il foglio in modo che si possa scorrere e cambiare faccia. I bambini si divertiranno a giocare con questi pupazzi e a cambiare loro le emozioni a seconda del gioco.

8-Flashcard delle emozioni 
Le flashcard delle emozioni le trovate scaricabili in diversi siti internet, oppure potete farle voi. Una volta che le avete ritagliate fate un mazzo: a turno si gira una carta e si riconosce l’emozione che rappresenta. Le card dei robot: mrprintables.com

9-L’orologio delle emozioni 
Costruite una specie di orologio, dove la lancetta andrà a segnare l’emozione che il bambino prova in quel momento.

10-Il cartellone delle emozioni 
Questo cartellone è ideale da fare in una classe della materna: ogni giorno i bambini metteranno una molletta in corrispondenza di come si sentono.