Come si disegnano i bambini? Dipende da chi guarda

I disegni dei bambini? Variano a seconda di chi li guarda. Lo suggerisce uno studio dell'Università di Chichester.

Come si disegnano i bambini? Dipende da chi guarda

disegni-di-bambini-lucca-kids-ilaria-marracci

 

I disegni dei bambini? Variano a seconda di chi li guarda. Lo suggerisce uno studio dell’Università di Chichester.

I disegni dei bambini vengono utilizzati da professionisti in vari contesti

Aiutano a capire come si sente il bambino

Secondo questo studio i bambini si disegnano in modo diverso a seconda di chi li sta guardando (se è qualcuno conosciuto o sconosciuto al bambino)

I risultati aiuteranno chi lavora con i bambini a interpretare meglio i loro disegni

E’ il classico disegno del bambino: la famiglia, l’animale domestico, la propria casa e… se stesso. Ma come si disegnano i bambini? E cambia qualcosa se qualcuno li sta guardando? (Leggi anche come interpretare i disegni dei bambini)

Una ricerca condotta da alcuni ricercatori dell’Università di Chichester, nel Regno Unito, ha esaminato l’espressività dei disegni dei bambini a seconda di chi li sta osservando e di chi guarderà il loro disegno. Lo studio è stato pubblicato oggi, 25 gennaio, nel British Journal of Developmental Psychology.

L’espressività dei disegni dei bambini cambia in base a chi li guarda

I risultati sono interessanti, perché i bimbi disegnano in modo diverso a seconda di chi li guarderà. Spesso i disegni vengono utilizzati in ambito clinico, educativo, forense o terapeutico per avere maggiori informazioni su come si senta il bambino e per integrare la comunicazione verbale.

 

bambini-mancini-600x422

 

le 5 fasi del disegno del bambino

Lo studio. I ricercatori hanno lavorato con 175 bambini tra gli otto e i nove anni: 85 maschi e 90 femmine.

I bimbi erano divisi in sette gruppi: in uno non era stato specificato che pubblico avrebbero avuto. Gli altri invece erano seguiti da categorie professionali come insegnanti, poliziotti, persone che già i bimbi conoscevano e persone totalmente sconosciute.

A questo punto è stato chiesto ai bambini di fare tre autoritratti:

uno normale,

uno con loro felici

e uno con loro tristi.

come-capire-i-disegni-dei-bambini-2-640x438I risultati?

I disegni dei bambini erano più espressivi quando i piccoli conoscevano chi avrebbe visto i loro disegni. E le bambine sono state ancora più espressive dei maschi. Si sono verificate però anche delle anomalie. Per esempio, maschi e femmine hanno disegnato in modo differente ai poliziotti che conoscevano e che non conoscevano. Le bimbe avevano disegni più espressivi e felici se conoscevano il poliziotto. Dall’altra parte i disegni dei bimbi che dovevano rappresentare loro stessi tristi erano più espressivi di quelli delle bimbe se il poliziotto era sconosciuto. Nonostante gli autori dello studio suggeriscano delle motivazioni plausibili a questo comportamento, sono comunque necessarie ricerche ulteriori. Questo studio può anche essere preso come base per indagini future.

Lo studio è stato condotto dalla dottoressa Esther Burkitt, specializzata in psicologia dello sviluppo all’Università di Chichester. Il suo commento: “E’ davvero interessante essere consapevoli del fatto che un bimbo disegni in modo diverso a seconda di chi lo guarda. E può essere utile per i professionisti che utilizzano i disegni dei bambini per capire come si sentono”.

volume-bandini-9_1077814