I BENEFICI DELLA CONTINUITÀ NIDO-SCUOLA DELL’INFANZIA : PERCORSI E PROGRAMMI CON LABORATORIO DEDICATO

Il passaggio dal nido alla scuola dell’infanzia rappresenta spesso una fase delicata, sia sul piano affettivo sia su quello degli apprendimenti. Un’esperienza per evitare disagi e creare condivisioni.

I BENEFICI DELLA CONTINUITÀ NIDO-SCUOLA DELL’INFANZIA : PERCORSI E PROGRAMMI CON LABORATORIO DEDICATO

ultime-news-scuola-martedi-22-novembre-2016-riforma-0-6-anni-unico-percorso-educativo-foto-gildavenezia-it_992897

Il passaggio dal nido alla scuola dell’infanzia rappresenta spesso una fase delicata, sia sul piano affettivo sia su quello degli apprendimenti. Un’esperienza per evitare disagi e creare condivisioni.

file-20171001-8620-1qnwq8r

 ..Il passaggio dal nido alla scuola dell’infanzia spesso segna l’uscita da una situazione protetta, familiare, calda e rassicurante, ad un ambiente che pur mantenendo caratteristiche simili al nido, è caratterizzato da aspetti più “scolastici”: maggior numero di bambini, meno insegnanti, più regole e in qualche modo

Entrare nella scuola dell’infanzia significa cambiare il gruppo di amici, uscire dalle sicurezze simboleggia l’ingresso nella scuola intesa come istituzione.affettive costruite al nido, lasciare l’educatrice o l’insegnante di riferimento, affrontare nuovi sistemi relazionali, incontrare nuove regole e nuove responsabilità e questo passaggio, se realizzato in modo brusco, può causare disagi, difficoltà, provocare rallentamenti nella crescita e nell’apprendimento.

Mantenere una continuità tra le due scuole, negli stili educativi e nelle occasioni di apprendimento, negli incontri e nelle relazioni, può facilitare dunque un inserimento più sereno e graduale nella nuova realtà scolastica. Si tratta quindi di curare i momenti di incontro tra bambini di età e di scuole differenti, consapevoli che la continuità è un modo di intendere la scuola come spazio e luogo coerente, nel quale ciascuno possa trovare l’ambiente e le condizioni più favorevoli per realizzare un percorso formativo completo.

Tali situazioni di continuità educativa preparate, organizzate, condivise anche con le famiglie, potranno facilitare e anticipare l’immagine del “come sarà”, il tragitto fra il già conosciuto e il nuovo, progettando un percorso che aiuti a comprendere il cambiamento, attraverso iniziative che nel loro insieme diventano un modo di prevedere, di fare esperienze di esplorazione e scoperta, in tempi, modi e spazi differenti…

asilo

I FASE – SPAZI D’INCONTRO

Innanzitutto sarà utile realizzare un momento di accoglienza disteso e rassicurante, in cui tutti i bambini accompagnati dalle loro maestre e dalle loro educatrici, possano riconoscere la propria identità e incontrare quella degli altri

I bambini grandi del nido saranno invitati a visitare la scuola dell’infanzia. La visita sarà preparata attraverso la realizzazione di inviti, fatti dai bambini stessi, da distribuire ai piccoli del nido.

I bambini di 5 anni preparano un piccolo dono per i bambini del nido.

 

Durante la visita ci si riunisce negli spazi esterni comuni.
Si potranno organizzare:

  • Cerchio del BENVENUTO.
  • Ognuno si presenta e racconta qualcosa di sè (mi piace… non mi piace. ).
  • Momenti di gioco libero e guidato (girotondi, canzoni, filastrocche, ascolto di una storia).
  • Momento della merenda assieme.
  • Consegna di un regalo da parte degli alunni più grandi a quelli più piccoli: un segnalibro raffigurante personaggi di una storia raccontata (conigli, orsetti, scoiattoli).
  • Successivamente ogni bambino viene invitato ad eseguire il proprio ritratto, che viene appeso al filo del palloncino colorato e portato a casa come ricordo del primo giorno di visita.

A conclusione tutti vengono invitati a giocare liberamente.

Crianca_6-1024x682

 

II FASE – LABORATORIO TATTILE

Successivamente si potranno creare occasioni di apprendimento e di esplorazione guidati, in cui i bambini possano riconoscere le competenze acquisite e sviluppare apprendimenti futuri.

Nel corso degli incontri successivi, i bambini del nido vengono invitati prima a organizzare, poi a partecipare ad un laboratorio tattile, sistemato negli spazi della scuola dell’infanzia, dove lavoreranno suddivisi per gruppi misti, bambini del nido e della scuola dell’infanzia, educatori di nido e insegnanti di scuola dell’infanzia assieme. Gli incontri si svolgeranno per l’intero anno scolastico 1 volta a settimana, in modo che tutti i bambini possano partecipare all’esperienza

ORGANIZZAZIONE DEL LABORATORIO

In una prima fase, anche attraverso la collaborazione dei genitori, i bambini sono invitati a ricercare materiali vari nei luoghi della quotidianità ( a casa o durante una passeggiata) e a portarli a scuola.

  • Osservazione spontanea

I bambini, organizzati per gruppi misti, saranno invitati a osservare in modo spontaneo i materiali raccolti, a manipolarli in modo libero, assaggiandoli, odorandoli, spalmandoli, stropicciandoli…

  • Classificazione

Esaurito il momento della scoperta, è importante aiutare i bambini a classificare i materiali esplorati al fine di facilitare la comprensione, l’apprendimento e la memorizzazione dei nuovi dati.

  • Si cercano i nomi per descrivere i materiali e le loro qualità, si classificano e si suddividono.
  • Si compiono comparazioni tra oggetti diversi per dimensioni, peso, colore, forma e diverse sensazioni tattili.
  • I materiali verranno disposti in contenitori trasparenti (preparati dai bambini) su alcuni scaffali in bella vista o riposti in scatole, suddivisi per elementi:

– materiali naturali, piume, conchiglie, sassi, cortecce, pigne, castagne, foglie…
– materiali artificiali, spugne, pelle, pelliccia, tessuti, gommapiuma, tubi di plastica…
– materiali misti, bottoni e vari tipi di corde, cordoncini, gomitoli di lana, fili, spago, nastri e fettuccine…
– vari tipi di pasta, riso, polenta, lenticchie, fagioli.. farina e di semi di vari cereali, con granulosità e misure diverse.

145540088-5b09d6b5-9213-4516-9d30-4ae698c373ee

 

III FASE – ELABORAZIONE DI PRODOTTI SPONTANEI

Durante gli incontri successivi, i bambini verranno guidati alla elaborazione e alla costruzione di prodotti spontanei: suddivisi in 3 o 4 gruppi misti, rappresenteranno e coloreranno soggetti a scelta, attraverso l’utilizzo di tecniche miste (pittura a tempera, collage.. .)

  • collage di diversi materiali su cartone;
  • realizzazione di semplici quadri di colore e di forme;
  • costruzione e produzione di oggetti con materiali di vario genere;
  • giochi con stoffe, scatoloni, tubi di plastica da utilizzare come sfondi e ambienti;
  • costruzione di scatole (scrigni magici) che restano a disposizione dei bambini per giocare;
  • interviste da parte dell’insegnante per conoscere le percezioni date dai materiali e le emozioni vissute dai bambini.
  • infanzia-nido-le-margherite_tgc24041 (1)