I PELUCHES

E LO SVILUPPO INFANTILE

I PELUCHES E LO SVILUPPO INFANTILE

Può un peluche avere effetti educativi positivi?
In molti casi il primo giocattolo di un bambino è un orsacchiotto o un altro animaletto di peluche che, oltre al fatto di essere morbido, colorato e carino, presenta un potenziale nascosto. E la ragione è che questi peluche ascoltano ciò che dicono loro i bambini, non si lamentano né li contraddicono. Inoltre, ai bambini piace giocarci perché sono belli e fanno esattamente quel che essi immaginano, per esempio li mettono seduti o in piedi, li fanno dormire, nascondersi o mangiare.

 

Gli effetti positivi nelle diverse fasi:
Bambini fino ai 18 mesi: i piccoli adorano toccare e sentire le varie superfici di questo tipo di giocattoli: i baffi ruvidi, la pelliccia soffice e gli occhi duri. Alcuni bambini amano anche quelli rumorosi, che emettono una specie di squittio. Spesso questi giocattoli vengono messi in bocca, succhiati o masticati, e perciò i genitori dovrebbero verificare che siano lavabili, che non presentino piccole parti rimovibili né alcun tipo di pelliccia o ciuffi che si riescano a strappare.

 

Bambini da 1 a 3 anni: in questa età i bambini imparano cos’è l’empatia, l’uso dei nomi e il linguaggio. L’utilizzo di diversi peluche può aiutare i più piccoli a riconoscere parole famigliari come cane, gatto, uccellino oltre ai loro versi. I bambini proveranno emozioni varie attraverso questi compagni silenziosi, che verranno spesso abbracciati, lanciati, colpiti o baciati. Inoltre potranno sperimentare e far pratica con le prime attività basilari che i genitori compiono con loro: dar da mangiare al peluche, lavarlo o metterlo a letto. In questo modo i piccoli rivivono determinate situazioni e si sforzano di comprendere il ruolo delle persone in relazione all’ambiente che li circonda. I genitori e le persone cui sono affidati i bambini possono in questo modo valutare la loro capacità di osservazione e imitazione.

 

Bambini in età prescolare (da 3 a 5 anni): in questa fase i bambini si lanciano e si confrontano di più in giochi e attività di immaginazione e un peluche non interessa solo per il suo aspetto ma anche per quello che può diventare, un orsacchiotto è così una principessa, uno studente o un amico. In questo periodo i bambini creano spesso conversazioni complesse e condividono i loro sentimenti con questi amici morbidi. In alcune circostanze un peluche può addirittura aiutare a calmarsi, quando per esempio un bambino ha passato una giornata negativa può usare il giocattolo per rivivere l’evento. Ciò aiuta i bambini ad affrontare le emozioni pesanti, capirle e quindi superarle.

 

Bambini in età scolare (intorno ai 5 anni): in questa fase i peluche possono trasformarsi negli studenti di una classe, in un gruppo di personaggi del cartone animato preferito o nel pubblico di uno spettacolo (di danza o di canto) o in una famiglia riunita all’ora del tè. In questa fascia di età nei giochi dei bambini si possono spesso riflettere le loro preoccupazioni per le nuove strutture e persone che compaiono nella loro vita. Potrebbero inoltre dormire ancora col loro peluche preferito e essergli molto attaccati soprattutto se vivono cambiamenti significativi che li mettono alla prova.

 

Bambini dai 6 anni: può essere che molti bambini, in particolare quelli che amano gli animali, vogliano collezionare peluche di animali strani. I bambini iniziano a conoscere la classificazione degli animali, gli habitat naturali e la scienza. Molti teenager invece usano un piccolo peluche come regalo o come segno di amicizia. Alcuni li personalizzano  ricamandoci nomi, date e ricorrenze. Tuttavia, quando si passa l’età per i peluche, dopo i 9 anni, i bambini trasferiscono questo attaccamento a pantofole di peluche, a portachiavi, a un cuscino o a una coperta felpata.

come-lavare-pelucheSi tenga presente che:
– I peluche hanno un effetto positivo sullo sviluppo infantile. Sono in grado di attirare l’attenzione di un piccolo e di migliorare le sue capacità visive e uditive con i loro suoni e colori sgargianti.
– Può capitare che un bambino si affezioni in maniera eccessiva al suo peluche e fargli capire che questo è solo un gioco e non qualcosa di reale diventa difficile. L’attaccamento a giochi o creature non vere né vive dovrebbe restare entro determinati confini: i genitori devono far sì che essi non vengano presi troppo seriamente e devono ricordare costantemente ai propri figli che si tratta di un giocattolo e non di un amico reale.
– I peluche vanno bene anche i maschietti? Si, aiuteranno sia i bambini che le bambine. Anche un bambino giocando potrà mettere in pratica i ruoli famigliari e fingere di essere come il suo papà insieme a suo figlio. Non è un gioco solo femminile dal momento che i bambini stanno semplicemente imitando il ruolo dei loro genitori e stanno cercando di comprendere i loro comportamenti, così che possano poi sviluppare una loro propria identità, individualità e indole.

 

Quali abilità verranno sviluppate?
– Sviluppo multi-sensoriale
– Immaginazione ed eventi reali
– Capacità di apprendimento precoci
– Esperienze della vita
– Comunicazione, interazione e linguaggio
– Abilità motorie fini e generali
– Abilità discriminative visive e uditive
– Creatività
– Abilità sociali

 

Come scegliere il giocattolo giusto:
– Cercate un peluche che stimoli i sensi del bambino: con molti colori, diverse finiture e che sia sonoro.
– Scegliete peluche con facce grandi. È il momento perfetto e lo strumento giusto per insegnare al bambino le parti del viso e del corpo.
– Trovate la dimensione giusta. I piccoli devono riuscire ad afferrare il peluche con le loro manine e i bambini più grandi devono poterli portare in giro.
– Acquistate giocattoli fabbricati con tessuti che non contengano colori tossici, resistenti e lavabili.
– Evitate quei giocattoli con lacci e corde per non rischiare un eventuale strangolamento.

 

Attenzione:
– Per i bambini più piccoli la presenza di peluche grandi rappresenta un rischio di soffocamento, scegliete quindi sempre peluche piccoli che se dovessero cadere sul viso di vostro figlio non lo coprirebbero.
– I peluche e i personaggi dei cartoni sono giocattoli perfetti; tuttavia i genitori non dovrebbero mai lasciare che si sostituiscano alla loro partecipazione al gioco. – Evitate di mettere molti peluche grandi nelle culla del bambino in maniera particolare quando sta dormendo, per evitare il rischio di soffocamento mentre si muove.
– I peluche devono essere usati dai bambini solo quando sono in grado di stare seduti.
– I peluche non devono avere parti piccole che si possano staccare o tirar via per evitare il soffocamento.

Il gioco è universale e interculturale. Può variare da una generazione o cultura all’altra ma è palesemente istintivo e rappresenta un punto chiave dello sviluppo umano. I bambini apprendono gli aspetti della vita dal gioco, oltre ad imparare cose su se stessi e sul mondo che li circonda. Giocare apre le porte dell’immaginazione e offre al bambino l’occasione di apprendere senza ostacoli.