Il gelato alla frutta fatto in casa, la merenda pìù amata dai bambini

Il gelato alla frutta fatto in casa, la merenda pìù amata dai bambini

gelato-alla-frutta-fatto-in-casa-586x439

Il gelato alla frutta fatto in casa è un’ottima ricetta che possiamo presentare ai nostri bambini in ogni occasione, soprattutto nella stagione estiva quando i piatti freddi e rinfrescanti sono preferiti da tutti i componenti della famiglia. Il gelato alla frutta, poi, piace a grandi e piccini ed è facile da realizzare.

Se avete la gelatiera preparare il gelato alla frutta fatto in casa è davvero molto semplice: basta solo scegliere quale gusto volete e seguire le istruzioni (ricordatevi di mettere in freezer il contenitore per qualche ora prima di usarlo). Ma anche se non avete la gelatiera potete comunque preparare un ottimo gelato di frutta: gli ingredienti sono gli stessi e all’incirca anche il procedimento.

 

 

Avrete bisogno dei seguenti ingredienti per realizzare questa merenda sana per i bambini:
250 grammi di frutta
200 grammi di panna (ma potete sostituire con il latte o lo yogurt per rendere la ricetta più leggera
1 limone

Se avete la gelatiera, preparate così il gelato alla frutta fatto in casa: mettete in freezer il contenitore della gelatiera, frullate la frutta e unitela al succo di limone e alla panna o yogurt o latte. Il composto va messo nel contenitore e la gelatiera va azionata finché non sarà pronto il gelato (all’incirca 45 minuti).

Se non avete la gelatiera, ecco come fare il gelato alla frutta fatto in casa: mettete in freezer un pentolino d’acciaio per almento 3 ore. Lavate la frutta, sbucciatela, tagliatela a pezzetti. Passate la frutta al mixer per ottenere una purea di frutta. Inserite il succo di limone e la panna o il latte o lo yogurt. Versate il composto nel pentolino ghiacciato, rimettetelo in freezer. Ogni mezz’ora tiratelo fuori e mescolate, finché non sarà pronto.

 

Il gusto del dolce è innato nel bambino quindi è qualcosa che lui gradisce senz’altro. Lo si può dare come merenda o spuntino quando il bambino ha compiuto i 12 mesi. Una volta introdotto, va bene anche dargliene una porzione, sia pure piccola, senza farlo ‘penare’ con assaggini in punta di cucchiaino!

All’inizio scegliamo i gusti più semplici, come il fiordilatte, ed evitiamo quelli contenenti coloranti che, pur se naturali, potrebbero provocare in soggetti predisposti delle reazioni allergiche” conclude il dietologo. Meglio evitare nel primi tempi anche la cioccolata, la frutta esotica, le fragole, la panna, la frutta secca (nocciole, mandorle) e naturalmente il caffè o i gusti che non esistono in natura